Storia di un corpo 🤙🏼💪🏼👃🏻👂🏼👅👄👁👀

IL CORPO È MIO. E NON È MIOIL CORPO È MIO. E NON È MIO

Marina Terragni

martedì 11 aprile 2017

Una delle obiezioni che il fronte pro-utero in affitto oppone più spesso al variegato mondo resistente (cattolici, femministe, ambientalisti, anarchici anti-biotech) è che una donna è libera di fare del suo corpo ciò che vuole: «Non si era detto: il corpo è mio?». Appunto: il corpo è mio, non del mercato che «me lo gestisce lui», biobusiness che supera i 3 miliardi di dollari, «inserimento del ciclo vitale nella logica della mercificazione capitalista» (Pietro Barcellona).

Quel corpo che è mio non è mai del tutto mio. È sempre anche di qualcun altro. È un corpo-io che nasce vive e muore impigliato in una fitta rete di relazioni che lo fanno essere, e senza le quali non consisterebbe. Prima tra tutte quella con la madre: talmente stretta che il due tra la donna e il figlio si fa indistinguibile dall’uno, e nessun mercato può tagliarla.

E poi: il corpo sarà anche mio, ma il figlio che metto al mondo non è mio. Un figlio non è un oggetto di proprietà, appartiene a se stesso e al mondo. Posso accettarlo e amarlo o posso rifiutarlo, e in quel caso sarà reso adottabile. Qualcun altro lo amerà. Ma non posso decidere a chi venderlo e nemmeno – sì, ciao – a chi donarlo. Senza, oltretutto, alcuna garanzia sull’acquirente.

Il tempo degli umani in vendita è alle spalle, ma minaccia costantemente di tornare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...